Busoni!

Ecco l’ultimo intervento sulla rubrica di 24emilia

Non avrei scritto questo post, primo perché non ne avevo voglia, secondo perché a parlare per giorni di niente ci sono già i politici di professione. Sarei per lasciar perdere perché nulla è meno importante del niente, ma vari personaggi mi hanno chi blandito, chi minacciato (scherzo) perché buttassi giù un paio di righe sul “busoni” strillato da Grillo a Bologna. E allora eccole.

Con la campagna elettorale agli sgoccioli tutto fa brodo e a tutto ci si può appigliare per raccattar su gli ultimi voti sul mercato. Il timore di sfondare la barriera del ridicolo che quotidianamente guida le nostre azioni è sconfitto dall’adrenalina della competizione, e la barriera viene infranta.

 Cosa ha detto Beppe Grillo in piazza a Bologna? Una semplice espressione dialettale usata ogni giorno da migliaia di bolognesi, ne più ne meno come il reggiano “cat vegna un cancher” o il modenese “gabiàn”, parole di uso quotidiano prive di qualunque contenuto offensivo. La prova? Ho controllato sui giornali online e cartacei bolognesi. Nulla, nessuno parla di offese omofobe, sessiste, machiste, triviali e via dicendo. Ai bolognesi, che sentono dir buson da mattino a sera, non è fregato proprio nulla se anche Grillo l’ha detto da un palco, proprio perché non c’è nessuna offesa o allusione in quella parola, anzi i 10.000 presenti (molti più dei vendoliani poche ore dopo, forse è questo che brucia) hanno riso e applaudito la nota di folklore locale.

 La rete smaschera la montatura dei perbenisti degli ultimi cinque minuti – a proposito, memorabile la signorina La Torre su questo sito – che gridano all’offesa omofoba ovunque fuorché a Bologna, dove nessuno se li fila. SEL e soci provano a giocare altrove la carta dello scandalo, magari nelle urne di Milano e Torino, ma non si accorgono che il boomerang se lo sono già preso dritto sul naso. Questo evento (?) non sposterà mezzo voto, se non punendo proprio i polemisti in servizio permanente che hanno fatto il passo più lungo della gamba.

Chiudo con un consiglio di lettura: Massimo Fini, “Il Conformista, contro l’anticonformismo di massa”. Titolo provocatorio, perfetto per commentare il coro di guaiti dei rivoluzionari da salotto, professorini e gendarmi del politicamente corretto che si dichiarano alternativi a tutti i costi, ma che, alla prova dei fatti, sono intolleranti e moralisti  tanto e come un qualsiasi Giovanardi quando chiede di vietare i baci gay in pubblico.

Av salot busoni!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Busoni!

  1. suka ha detto:

    più busone del grillo non ce n’é, pupillazzo di cardinali da sempre.
    Visto che ti piacciono i saluti alla bolognese,
    Socc’ mel ben in pont’, busone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...