Su Iren nessun accordo

Mio commento al dibattito tra il Sindaco di Parma Pizzarotti e di Reggio E. Delrio a Festareggio, il 12 settembre. Da http://www.24emilia.com e dalla mia nuova rubrica “MoVimento”

Martedì sera l’evento clou al Campovolo è stato il primo, atteso dibattito tra un sindaco del Pd e uno del Movimento 5 Stelle, con un folto pubblico ai piedi del palco accorso, forse almeno in parte, più per assistere alla prima uscita del genere per Federico Pizzarotti che per il tema della serata.


Nota ormai da tempo la vicinanza tra M5S e Partito Democratico reggiano sulla gestione della raccolta differenziata e i trattamenti di recupero successivi, le divergenze sono emerse in tutta la loro radicalità appena il dibattito si è spostato sulla natura di Iren, dove si sono scontrate due visioni che, in comune, hanno ben poco. Il Sindaco Delrio ha difeso lo status quo ripetendo la sua già nota opinione: il controllo pubblico sulla multiutility è garantito dalla proprietà, da parte dei Comuni soci, della maggioranza delle azioni. Il che, secondo il sindaco della nostra città, fa di Iren un patrimonio del territorio, naturale evoluzione delle municipalizzate sulla quale i sindaci hanno pieno potere d’intervento e che ha portato molti vantaggi alla collettività. Nessun problema di controllo pubblico dunque secondo Delrio, ma questa posizione si è scontrata con l’esperienza del neosindaco Pizzarotti al quale l’azienda continua a negare documenti di cui ha fatto richiesta, nonostante Parma ne sia uno dei più importanti soci pubblici.

Secondo Pizzarotti la natura di spa quotata in borsa fa di Iren una macchina orientata alla produzione di utili e dividendi, incompatibile con l’obbiettivo di fornire servizi ai cittadini alle condizioni più vantaggiose. La critica del sindaco a 5 Stelle è poi proseguita ricordando che, anche a livello di governance, le cose non vanno meglio a causa della pletora di uomini di partito nominati ai posti di comando seppur privi di competenze specifiche e, a questo punto, non poteva non finire sul banco degli imputati il vicepresidente Villani, consigliere regionale pidiellino ed espressione di un governo della città ducale dissoltosi sotto i colpi delle inchieste giudiziarie.

Agli antipodi sono apparse anche le posizioni riguardo all’inceneritore di Uguzzolo, sul quale Pizzarotti e il Movimento 5 Stelle tutto si giocano buona parte della propria credibilità. Per Delrio il forno è responsabilità dei Comuni committenti d’oltre Enza e solo a loro spetta la scelta sul da farsi, le cui conseguenze economiche non dovranno però ricadere sugli altri soci di Iren. Ribadendo la propria contrarietà all’incenerimento dei rifiuti, il sindaco concittadino ha anche affermato che in regione non c’è bisogno di più di uno o due forni (ne esistono otto). Scontata, a questo punto, la replica di Pizzarotti che ha posto la domanda più ovvia, ovvero quale sia la necessità di accenderne un altro, essendo già oggi il numero di impianti eccessivo rispetto alla quantità di rifiuti da bruciare e che, stando alle previsioni dell’azienda, in caso di aumento della raccolta differenziata a Parma dovrà per forza ricevere combustibile da altrove.

Terminato il dibattito, molti partecipanti si sono ritrovati con due grandi domande: primo, di cosa hanno paura gli organizzatori di FestaReggio per non permettere domande dal pubblico se non dopo che gli ospiti hanno lasciato il palco e, secondo, chi saranno quei reggiani fortunati di cui ha parlato Delrio che differenziano e pagano una tariffa più bassa, dato che nella nostra città non si applica affatto la tariffazione puntuale?

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...