La vittoria culturale

Appena pochi anni fa il Parlamento italiano raggiunse l’imbarazzante primato di ospitare il maggior numero di inquisiti e farabutti conclamati (ossia condannati) al mondo, e le stesse persone che oggi invocano la pulizia delle liste elettorali, all’epoca bollavano come estremista e demagogica la proposta di legge presentata da Beppe Grillo per escludere dal Parlamento i condannati dal primo grado in poi. Da allora la sempre più diffusa consapevolezza dell’indegnità della classe politica e la crescente repulsione verso la Casta da parte dell’opinione pubblica, hanno obbligato i partiti a correre ai ripari, tentando, in extremis, una rettifica per salvare il salvabile, copiando a man bassa da quei soggetti che di etica e legalità hanno fatto le proprie bandiere.

Intoccabili come dell’Utri e Cosentino che sino a ieri apparivano inamovibili sono ufficialmente esclusi dalle liste del Pdl. Di candidature di ballerine e soubrette non sia ha notizia o, almeno, non vengono messe in mostra. Nel Pd si sono addirittura accorti che tal Vladimiro Crisafulli, già parlamentare, consigliere regionale, assessore e tante altre cose è diventato di colpo “impresentabile” e messo da parte, nonostante l’appetibile pacchetto di voti in dote.

Piccoli passi e in larga misura operazioni di maquillage dovute alla paura delle urne incombenti – più che giustificata, dati i recenti risultati siciliani – e forse destinate a perdersi ad elezioni passate, ma che sanciscono la vittoria culturale dei numerosi movimenti civici indignati e apartitici impostisi sulla scena politica degli ultimi anni, nati in risposta alla malapolitica imperante e che, con l’impronta da essi lasciata nell’opinione pubblica, stanno obbligando i partiti ad inseguire e ripulirsi per tentare di recuperare il terreno perduto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...