Queste 5 stelle

Alla casa di riposo di Baragalla le urne hanno regalato al Partito Democratico un plebiscito che, se replicato a livello nazionale, oggi parole come governissimo, governo di scopo, larghe intese e via dicendo sarebbero confinate sui manuali di scienze politiche. Invece è andata come sappiamo, l’ennesima vittoria sicura che più sicura non si può fino al giorno prima per la sinistra italiana si è risolta nell’ennesima batosta, mentre i dati sul voto alla Camera mostrano che gli elettori under 25 hanno preferito il “salto nel buio” con Grillo.

Fino a quattro o cinque anni fa il Movimento 5 Stelle reggiano – ma all’epoca era ancora il meetup degli Amici di Beppe Grillo – si incontrava con qualche decina di attivisti della prima ora alla Gabella di via Roma, poi abbandonata in favore di altri spazi sempre a basso costo, e si passava la riunione discutendo di inceneritori e Vday, chiedendosi in quale ufficio presentarsi per far domanda di uno spazio per un banchetto in piazza e se fare o no una colletta per comprare un gazebo in offerta al supermercato. Si cominciava ad accennare appena a timide proposte di liste civiche, mica da soli però, ma almeno unendosi ad altre già in pista e di elezioni nazionali se ne parlava giusto per dichiarare che finalmente il tale si era deciso a starsene a casa o che l’altro avrebbe dato ancora una chance al nascente Pd. Qualche iscritto al meetup, credo di ricordare, andava ancora a far da volontario a Festareggio.

Altra epoca.

Oggi un giornale scrive che al Movimento potrebbero spettare la presidenza del Copasir e della vigilanza Rai, sicuramente di qualche commissione parlamentare e forse la presidenza di una camera. Quel gruppetto che si riuniva nelle sale civiche della penisola si è trasformato nell’ago della bilancia della politica italiana, corteggiato da quella parte vincitrice ma senza numeri che non può ora fare a meno del suo appoggio per non suicidarsi definitivamente accordandosi di nuovo col venditore di fumo di Arcore.

Un successo incredibile, arrivato dopo solo quattro anni dalla nascita vera e propria del Movimento e, come ogni trionfo lampo, potenzialmente pericoloso per i suoi protagonisti. Ad un ristretto numero, mi si conceda il termine forse pretenzioso, d’avanguardia solido e coeso che a lungo ha rappresentato la base del Movimento, si è sostituito un movimento di massa nato nel breve volgere di qualche mese, tempo durante il quale i partiti si sono sgonfiati come palloncini forati fino a lasciare sul campo, l’altro ieri, qualcosa come dieci milioni di voti rispetto alle elezioni che nel 2008 riportarono Berlusconi in sella. I flussi elettorali verso le 5 stelle in Emilia Romagna parlano di 25mila voti dal Pd, 55mila dal Pdl e 90mila dalla Lega, secondo Swg.

Buona parte di questa massa sicuramente conosce e condivide i punti del programma grillesco, ma un’altra gran parte altrettanto sicuramente più che per il Movimento ha votato contro i partiti e, veloce come è venuta, velocemente se ne può andare. Tenere assieme persone che sino a ieri l’hanno pensata all’opposto sarà una delle sfide più impegnative per Beppe Grillo e i suoi nuovi parlamentari nel prossimo futuro.

Detto questo, non ci si può esimere da un cenno alle proposte di collaborazione che in queste ore lancia colui che credeva di smacchiare il giaguaro ma è stato messo nel sacco dal grillo. Ci sono centinaia di milioni di euro di rimborsi elettorali in attesa di venir divisi in base al risultato delle urne (mica in base alle vere spese, ci mancherebbe), quale migliore prova di buona volontà e disponibilità al dialogo che rinunciarvi dato che, ormai è provato, non servono neanche a vincere?

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Queste 5 stelle

  1. lorenza ha detto:

    30 Marzo 2013
    Ciao a tutti!
    Non ci conosciamo. Il web non è il mio spazio preferito, ma voglio dire il mio pensiero. Grazie a chi mi leggerà.
    Ho ancora diritto di voto e soprattutto una famiglia che si affaccia al futuro.
    Il futuro non è un clic.
    Ci sono scelte da cui non si torna indietro.
    Ci sono scelte fatte da pochi che pagheranno in molti.
    Ieri il mio medico di base ha dato i soldi ad un paziente che non può pagare un tiket per gli esami del suo bambino che rischia di perdere la vista.
    “Non mi interessa,” dice Beppe Grillo,” non è colpa mia.”
    A quel papà non interessa di chi è la colpa. Se quel bambino perderà la vista gli spiegheremo che era necessario avere il 100 % dei voti per fare le riforme, per aiutare il paese a uscire dalla crisi. Gli spiegheremo che era un sacrificio necessario.
    Come ci spiegava don Milani, sono i figli dei poveracci a sacrificarsi al fronte, per una giusta causa, per l’Italia.
    I figli di chi decide le sorti dell’Italia, i figli di Berluconi, Bersani e di Grillo, dormono sonni tranquilli. Loro non si sacrificano “al fronte”.
    I figli di Grillo possono permettersi le visite dei luminari della scienza: altro che medico della mutua che visita frettolosamente, perchè non può dedicare più di 15 minuti a visita.
    Ci sono scelte da cui non si torna indietro.
    Nel 2000, ai negoziati di Camp David c’è stata una occasione storica per avvicinarsi alla pace nella questione palestinese. Il governo israeliano col primo ministro Bahrak non aveva mai fatto così tante concessioni.
    Arafat ha rifiutato. Voleva di più.
    Lui era già vecchio. E’ morto nel 2004.
    Quante sofferenze ha subito e sta subendo il popolo palestinese per quella decisione!
    Arafat non si è accontentato di ciò che era possibile in quel momento. Ha voluto l’impossibile. Voleva che fossero soddisfatte al 100% le sue richieste.
    Anche Grillo oggi vuole il 100% dei voti.
    Così perdiamo una occasione che forse non si ripresenterà.
    Come uomo di spettacolo percepisce solo i segnali della platea che lo applaude. Si difende da chi dissente abusando del suo potere.
    Il sig.Grillo e il sig.Casaleggio non vogliono collaborare col parlamento italiano? Perfetto!
    Devono essere disponibili a vivere, loro e le loro famiglie, con 1500 euro al mese. Devono mettersi nelle stesse condizioni di vita dell’italiano medio. Vorrei vedere se si accontenterebbero di sapere che è colpa della vecchia classe politica oppure se cercherebbero di fare qualcosa per migliorare la situazione.
    Lo diceva don Milani: non aspettatevi scelte per il bene della gente comune da chi dovrebbe rinunciare ai suoi privilegi. Grillo lo sta dimostrando perfettamente.
    La realtà non è un clic sul web.
    Abbiamo strutture di gestione dello stato che sono vecchie e pesanti… Come si fa però a cambiare tutto in una volta?
    Anche la Chiesa Cattolica ha strutture vecchie e pesanti. Ciò non ha impedito di sfruttarle al meglio per eleggere un Papa davvero “nuovo”. Però bisogna volere bene alle persone, alla gente comune, anche agli ignoranti.
    Pochi giorni fa è stata celebrata la giornata dei giusti.Sono rimasta colpita dalla vicenda di Dimitar Peshev. Un parlamentare. Un giusto. Un uomo. Non una pecora.
    Grazie a chi mi ha ascoltato!
    Grazie di cuore, Lorenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...